Il Tirreno

Elba, paradiso da esplorare
L'evento

Rallye storico, si parte: l’Elba scalda i motori

Rallye storico, si parte: l’Elba scalda i motori

Record di iscritti per la 34ª edizione della corsa isolana. Quartier generale e parco assistenza spostati a Capoliveri

20 settembre 2022
3 MINUTI DI LETTURA





CAPOLIVERI. Giovedì prende il via la 34ª edizione del Rallye Elba storico trofeo Locman Italy. Un vero e proprio record di iscrizioni raggiunte, 183 equipaggi raggiungeranno lo start. L’elevato numero di partecipanti ha costretto gli organizzatori a modificare la logistica: il quartier generale della manifestazione sarà ubicato a Capoliveri. Cambiamenti anche per quanto riguarda il parco assistenza che inizialmente era previsto a Rio nell’Elba ma verrà trasferito anch’esso a Capoliveri, precisamente in piazzale Australia, che in origine doveva ospitare solo cerimonia di partenza di partenza di giovedì e di arrivo di sabato prossimo. Venerdì lo start della prima vettura avverrà davanti al palazzo comunale di Capoliver. Un altro cambio di location anche per le verifiche tecniche che verranno spostate in Viale Italia sempre a Capoliveri, un luogo già utilizzato in passato.

Due campionati, 10 prove

La manifestazione sarà articolata su due principali campionati: il campionato europeo e il campionato italiano. Inoltre completeranno la gara il trofeo A112 Abarth con circa venti iscritti e le due tipologie di regolarità sportiva e media, una disciplina che prevede di gestire la velocità e il tempo imposti dal regolamento. Saranno dieci le prove speciali, spalmate su tre giorni di gara per tutta l’isola. La distanza totale del Rallye sarà 444, 220 chilometri, dei quali 135, 250 con il cronometro.

Capoliveri e Innamorata

Come detto la partenza è giovedì a Capoliveri che per il tredicesimo anno consecutivo ospita una Prova Speciale “cittadina” in notturna. Sarà la numero 1. La partenza della è in via Mellini e, dopo aver attraversato il centro storico sfiorando la piazza principale, percorre le anguste vie del paese con bruschi saliscendi e curve “cieche”. Molto simile anche la prova speciale 6/8 che viene corsa due giorni dopo in orario diurno: partendo da Viale Italia, in entrambi i tracciati, i piloti scenderanno verso le frazioni di Morcone, Pareti ed Innamorata, per terminare il proprio corso poi alle pendici del Monte Calamita.

Il “Monumento”

Venerdì mattina si disputerà la classica e iconica prova del “Monumento”, che ha fatto la storia del Rallye. Stavolta sarà la prova 2-4. Si parte dall’abitato di Norsi verso Filetto-Bonalaccia, come non succedeva già ormai da diverse edizioni. La prova passerà dall’abitato di Lacona, dove la strada si “sporca”, e poi tornerà sulla Provinciale con gli ultimi tre chilometri di in discesa su un buon asfalto.

Colle Palombaia e 2 mari

Sabato mattina sarà il momento della prova speciale 3 Colle Palombaia” e nel pomeriggio della prova speciale 5 Due mari. Quest’anno infatti Aci Livorno Sport le prove del monte Perone in direzione da sud a nord che hanno in comune il tratto centrale, quello più “tosto”, tra il bivio dell’Accolta e l’abitato di Poggio: quasi dieci chilometri di emozioni. La prova “Colle Palombaia” è una delle novità 2022 avendo i primi 2-3 chilometri inediti per il Rallye Elba Storico.

Il Volterraio

Le prove speciali numero 7 (sabato mattina) 9 e 10 (sabato pomeriggio) avranno come protagonista il Volterraio. La 7è la più lunga della gara, con partenza da Rio Elba e arrivo a Cavo passando da Nisporto e Bagnaia. Dal punto di vista tecnico si propone come una prova speciale che mette a dura prova la resistenza dei piloti e delle vetture, proprio per le caratteristiche di questa strada a dir poco meravigliosa.

Le vetture e gli elbani

Le vetture partecipanti saranno complete, dagli anni settanta fino agli anni novanta; dalla storica “Lancia Rally 037” ad un auto meno dinamica e particolare come la Volvo 244 gl. Oltre ai protagonisti del campionato “Fia european historic rally championship” daranno battaglia e divertimento tutti gli equipaggi elbani iscritti alla corsa. L’asfalto elbano, noto come uno dei più sinuosi e viscidi attende assieme a tutti i suoi appassionati molte persone durante il weekend.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


 

Primo piano
L’inchiesta

Crollo all’Esselunga di Firenze, gli investigatori si concentrano sul “dente” della trave: cos’è e perché potrebbe aver ceduto – Video

di Matteo Leoni
Le nostre iniziative