Il Tirreno

Pistoia

Il caso

Pistoia, giovane lupo ucciso nel bosco a San Felice: il ritrovamento e le ipotesi sulla morte

Pistoia, giovane lupo ucciso nel bosco a San Felice: il ritrovamento e le ipotesi sulla morte

La carcassa dell’animale è stata scoperta dai carabinieri forestali

03 marzo 2024
2 MINUTI DI LETTURA





PISTOIA. Ritrovato in un bosco ai margini della frazione di San Felice un lupo morto, molto probabilmente ucciso da un bracconiere. La carcassa del giovane maschio è stata scoperta lo scorso 27 febbraio dai carabinieri del nucleo forestale di Pistoia. Sono in corso accertamenti per chiarire le cause della morte.

Le ipotesi

Tuttavia, l’ipotesi più plausibile secondo i carabinieri è che si tratti di un atto di bracconaggio, casistica purtroppo non così rara, negli ultimi tempi, anche su scala nazionale, dove si va mostrando un vero e proprio accanimento nei confronti di questa specie, come spiegano i militari dell’Arma in una nota.
Specie protetta
Sottolineando come il lupo sia una specie particolarmente protetta sia da leggi nazionali (157/92-Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio) che europee (convenzioni internazionali e direttiva “Habitat”). «Il suo ruolo di predatore, che lo pone al vertice della catena alimentare, ricercando tra gli ungulati (cinghiali, caprioli, cervi, eccetera) le prede preferenziali, consente un naturale ed efficace contenimento delle loro popolazioni, in continuo accrescimento sul nostro territorio, fornendo un importante contributo anche dal punto di vista sanitario, andando a ridurre le probabilità di diffusione di varie patologie, proprie della fauna selvatica, ma trasmissibili anche al bestiame domestico. Il bracconaggio, pertanto, è un atto che defrauda tutti i cittadini, la fauna selvatica, difatti, costituisce patrimonio indisponibile dello Stato e componente fondamentale della biodiversità, la cui ricchezza garantisce una migliore qualità dell’ambiente». «La reazione, quindi, in presenza di atti di questo genere, non può che essere una: svolgere più controlli, adottando maggior severità nei confronti di chi infrange le leggi poste a tutela dell’ambiente, delle persone e del diritto loro di diritto di fruire dei benefici offerti dal territorio», conclude la nota dei carabinieri forestali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Vespa World Days
L’ospite

Vespa World Days, Marco Lambri ospite nella redazione del Tirreno: «Ecco come mi immagino la Vespa del 2050» – Video