Il Tirreno

Versilia

Toscana economia
Il cantiere

Viareggio, nuova vita per Picchiotti: Next Group investe e assume

di Donatella Francesconi
Viareggio, nuova vita per Picchiotti: Next Group investe e assume

Intervento anche sulla Palazzina ex Perini che vedrà una mensa

08 giugno 2024
3 MINUTI DI LETTURA





VIAREGGIO. È una vera rinascita quella del Cantiere Picchiotti, come annunciata da Next Yacht Group. Azienda della nautica viareggina che – con un simbolico brindisi sulla terrazza dell’ex cantiere Picchiotti – ha suggellato la ripartenza della Darsena alla presenza dell’investitore e dei dipendenti dei cantieri Maiora e AB Yacht, celebri marchi della nautica viareggina che Next Yacht Group ha rilevato. Next Yacht Group ricorda di aver «concluso il percorso di acquisizione degli stabilimenti ex Perini ed ex Picchiotti, con il secondo lotto di capannoni nella Darsena Italia». Un passaggio decisivo che – viene sottolineato nella nota diffusa dalla azienda – «si tradurrà in nuove assunzioni, il raddoppio della produzione e la riqualificazione del tessuto urbano attraverso il recupero e la valorizzazione dei siti».

Una rinascita, dunque, dalle “ceneri” del fallimento Perini che tanto ha scosso il mondo della nautica. Passando, poi, dal subentro nelle concessioni demaniali portuali ex Perini che erano a loro volta passate all’azienda che ha acquistato all’asta il celebre marchio della grande nautica a vela.

Next Yacht Group – dopo aver rilevato i marchi storici Maiora e AB Yacht «che verranno così rilanciati» – ha già messo in campo «33 milioni di investimento». E, adesso, «ne sono previsti altri 16 per l’intervento, già avviato, di messa in sicurezza e di recupero funzionale dello stabilimento Picchiotti, oltre che di ammodernamento dei 4mila metri quadrati di uffici nel quartier generale di via Coppino (ex Palazzina Perini, ndr) con antistante banchina». Qui, così l’annuncio, «sarà creata anche una mensa per gli operai con standard modernissimi, così da garantire un efficiente bacino produttivo all’avanguardia in Darsena».

Il Gruppo nautico ricorda: «L’intervento di Next Yacht Group è poderoso, visto che da tempo la situazione era congelata. Prima il fallimento di Perini, l’asta conseguente e l’acquisto da parte di una società che, di fatto, non ha restituito vita a quell’importante realtà della nautica. Adesso, grazie all’impegno messo in campo da Nesti per la valorizzazione di Maiora e AB Yacht, ecco che verrà creato in tempi brevi uno degli stabilimenti più importanti e pulsanti del comparto».

Next Yacht Group, in relazione all’intervento complessivo, annuncia: «Pronte a partire assunzioni dirette e indirette per decine e decine di posti di lavoro e un traguardo ambizioso: con i nuovi spazi sarà infatti possibile raddoppiare la produzione – passando dalle attuali 9 a 18 barche l’anno – consolidando in modo importante il ruolo della città come capitale della nautica nel mondo».

Sul sito di Next Yacht Group, per quanto attiene alla produzione, l’attività viene così descritta: «La gamma attuale offre flybridge dai 30 ai 50 metri, a marchio “Maiora”, che sono l'espressione del puro piacere di vivere a bordo: luminosità, spazi e volumi, connettività degli ambienti, soluzioni innovative per vivere il mare a cui si possono aggiungere emozioni crescenti di sportività con differenti scelte di propulsione».

Ci sono, poi, «le imbarcazioni più veloci, a propulsione idrogetto, da 80 a 166 piedi, a marchio AB Yachts, segmento in cui Next Yacht Group è leader di mercato. Qui, senza mai dimenticare la comodità e lo stile, è la sportività a fare da padrone».

L’obiettivo dell’azienda è così efficacemente sintetizzato: «Una boutique nel mondo della nautica, questo è e quanto vuole continuare a essere Next Yacht Group».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
La tragedia

Con il gommone contro gli scogli: muore un giovane ufficiale toscano della Marina