Il Tirreno

Pisa

L’aggressione

Pisa, minacce di morte armato di coltello: arrestato dopo l’irruzione in un negozio

di Pietro Barghigiani
Pisa, minacce di morte armato di coltello: arrestato dopo l’irruzione in un negozio

L’uomo si è avventato contro un ragazzino e un barbiere per questioni di droga. Arrestato dalla Municipale, reagisce pure agli agenti

08 giugno 2023
2 MINUTI DI LETTURA





PISA. Una reazione minacciosa per questioni di droga. Una rabbia verso il pusher che ha trasformato un 26enne «ero in crisi di astinenza ha detto in aula» in un cliente rabbioso capace di impugnare un coltello e puntarlo contro un 15enne dopo averlo afferrato alla gola. Non solo. Quando il titolare della barberia, dove il ragazzo si era nascosto, si è messo in mezzo cercando di proteggerlo è arrivato il momento della lama puntata contro di lui.

Arrestato dagli agenti del Nucleo operativo di sicurezza urbana della Municipale, Wissem Talbi, tunisino, ieri mattina è comparso davanti al giudice Giovanni Zucconi (pm onorario Evelina Lalli) che ha convalidato l’arresto e, visti i numerosi precedenti e lo stato di clandestinità, disposto in carcere per il nordafricano assistito dall’avvocato Sandro Orrù. Sia al momento del fermo che nella camera di sicurezza del comando di via Battisti, Talbi ha aggredito gli agenti e danneggiato auto di servizio e locali.

Il 15enne che, a suo dire, avrebbe dovuto vendergli la cocaina in piazza Vittorio Emanuele, ma con cui non si è trovato d’accordo sul prezzo, dopo aver scampato all’accoltellamento è stato portato in una comunità per minori.

L’episodio è avvenuto in via Cattaneo dove numerosi immigrati, alla vista del tunisino con il coltello a serramanico, hanno chiamato la Municipale.

Dopo essere uscito armato di coltello dalla barberia, il 26enne ha atteso sul marciapiede che il 15enne uscisse. A quel punto sono arrivati gli agenti del Nosu con due equipaggi coordinati dall’ispettore Marco Vallini. Dopo aver bloccato Talbi hanno visto sotto al griglia di un tombino un coltello. Lui è riuscito a recuperare l’arma puntandola contro i poliziotti che lo hanno disarmato. Le immagini della videosorveglianza hanno ripreso ogni sequenza. Talbi che entra nel negozio urlando, estrae il coltello dalla tasca e poi afferra al collo un paio di persone e le minaccia di morte. «Ammetto tutto, ero in crisi di astinenza» ha riferito al giudice l’arrestato per minacce aggravate, resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento e porto abusivo di armi.

«Dopo la tragica morte del parrucchiere di via Corridoni, lo scorso 7 agosto, accoltellato da uno squilibrato, e dopo gli altri gravi episodi di persone ferite con il coltello nella zona della Stazione, l’attenzione per questo tipo di fenomeni criminali è massima ed anche gli uomini e donne del Nosu, assieme alle altre forze dell’ordine, mantengono costantemente monitorata la situazione, anche e soprattutto con azioni di prossimità ai cittadini italiani e stranieri che vivono e frequentano il rione» spiegano dal comando di via Battistil

Pietro Barghigiani

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
Turismo

Traghetti, è massima allerta all’Elba per la domenica dello sciopero. Anche a Piombino piano d'emergenza

di Gabriele Buffoni