Il Tirreno

Prato

il caso

Prato, si chiude accidentalmente l’auto: bimba di due anni rimane chiusa dentro

Prato, si chiude accidentalmente l’auto: bimba di due anni rimane chiusa dentro

Paura in via dei Ciliani per la piccola. L’auto era sotto il sole e la chiave era rimasta all’interno. La Municipale è intervenuta rompendo il vetro posteriore dell’auto e riuscendo così ad aprire lo sportello

08 giugno 2023
2 MINUTI DI LETTURA





PRATO. Gli agenti della Municipale hanno salvato questa mattina una bambina di due anni rimasta accidentalmente chiusa nell'automobile dei genitori. Verso le ore 12 una pattuglia del Reparto Territoriale della Polizia Municipale si trovava a transitare lungo via dei Ciliani, dopo aver effettuato un intervento disposto dalla Centrale operativa in quella zona. Giunti all'altezza del civico 132, gli agenti hanno notato un gruppo di persone intorno a un Suv nero in sosta che tentavano di aprire il veicolo.

Vista la situazione la pattuglia si è fermata per chiedere cosa stesse succedendo: una delle persone presenti chiedeva disperatamente aiuto poichè all'interno dell'auto si trovava una bimba di poco meno di 2 anni, rimasta accidentalmente chiusa dentro. Il genitore della bimba aveva dimenticato accidentalmente le chiavi sul sedile e l'auto si era chiusa automaticamente. 

I due genitori infatti, presenti sul posto, insieme al fratello maggiore, riferivano che la bambina fosse chiusa in auto da almeno 15 minuti, sotto il sole e viste le alte temperatura in quella fascia oraria la bambina stava soffrendo il gran caldo. Situazione che stava tra l'altro precipitando poichè la bambina, spaventata, piangeva a squarciagola ed era molto sudata. A quel punto gli agenti sono interventuti provvedendo ad infrangere il deflettore posteriore dell'auto, aprendo lo sportello ed estraendo la piccola dall'auto.

Allertato il 118 per accertarsi dello stato di salute della bambina, la piccola è stata portata in ospedale per controlli e adesso sta bene.

Primo piano
Turismo

Spiagge toscane, è un’estate anni Sessanta. Come ci si difende dall’assalto? All’Elba si “salvano” con l’app

di Ilenia Reali