Il Tirreno

Pistoia

I dettagli

Villa Vittoria pronta dopo 18 anni. Rinasce il gioiello di San Marcello Pistoiese

di Carlo Bardini

	Villa Vittoria a San Marcello Pistoiese 
Villa Vittoria a San Marcello Pistoiese 

I lavori sono iniziati nel 2005 per un importo previsto di 1 milione e 572mila euro. Dal 2019 l’Unione dei Comuni Montani ha eseguito altri interventi per 1 milione e 255mila euro

27 settembre 2023
3 MINUTI DI LETTURA





SAN MARCELLO. Dopo diciotto anni i lavori che hanno interessato Villa Vittoria a San Marcello sono terminati. L'edificio, a parte qualche piccolissima minuzia, è finito e pronto ad ospitare uffici pubblici e altri servizi, secondo il progetto iniziale. Ad inaugurare alcuni dei locali interni, per il momento, sono alcune classi della scuola superiore di San Marcello, visto che la loro sede è oggetto di un cantiere finanziato dal Piano nazionale di ripresa e resilienza. Ma nelle prossime settimane Villa Vittoria potrà ospitare gli uffici dell'Unione dei Comuni. «È stato uno sforzo importante – spiega il sindaco di San Marcello-Piteglio Luca Marmo – anche in termini finanziari e tra gli altri soggetti un ringraziamento va alla Regione Toscana».

Bisogna fare un vero e proprio salto nel tempo, e forse i più non se lo ricordano, quando l'edificio cominciò ad essere oggetto degli interventi. I lavori sono iniziati nel 2005 per un importo previsto di 1 milione e 572mila euro di cui circa 460mila finanziati con mutuo dalla Comunità montana Appennino Pistoiese e 600mila tramite contributi di prevenzione del rischio sismico. Progettista e direttore dei lavori è stato l'architetto Lorenzo Niccoli. Il progetto prevedeva l'adeguamento sismico dell'intero immobile con rifacimento totale delle fondazioni e consolidamento delle strutture murarie. L'opera prevedeva anche la realizzazione di un ulteriore piano sottotetto a uso open space come sala convegni. Il piano sottotetto è provvisto di un grande lucernario e nuovi infissi. La copertura è in legno lamellare ed esternamente rivestita in rame. Lavori eseguiti in tre stralci. «L'intenzione – prosegue Marmo – è quella di spostarci gli uffici dell'Unione dei Comuni, quelli che prevedono i servizi front-office e magari anche l'ufficio per l'impiego. Entrambi si trovano attualmente in locali nell'area ex Sedi di Campo Tizzoro. Per l'utilizzo degli ambienti rimanenti abbiamo delle idee ma ancora è prematuro. Quello che invece sarà usato a scopo congressuale, pubblico o addirittura per cerimonie è il sottotetto che è un locale davvero stupendo».

Nell'anno 2012 c'è stata, a seguito di legge regionale, l'estinzione della Comunità montana, e la funzione della forestazione è stata attribuita alla Provincia di Pistoia, che si è presa anche l’onere della competenza dei lavori per Villa Vittoria. «È inutile negare che il cantiere è durato troppi anni – ammette il sindaco – ma lo stallo più importante fu dovuto al passaggio dalla Comunità montana alla Provincia e l'ente ha dovuto riprendere le redini di tutta la situazione». Dal 2019 l’Unione dei Comuni Montani ha eseguito ulteriori tre stralci destinati al completamento dell’immobile per un importo complessivo di 1 milione e 255mila euro con fondi regionali, fondi della Fondazione Caript e fondi di bilancio dell’Unione. Gli interventi hanno permesso il completamento funzionale dell’immobile, con la realizzazione delle finiture interne, l’acquisto e la posa in opera dell’ascensore, la realizzazione degli impianti, la fornitura e posa in opera degli infissi interni ed esterni e le sistemazioni esterne del piazzale e dell’area a verde posta nella parte inferiore, quest’ultima in fase di completamento.


 

Primo piano
Turismo

Spiagge toscane, è un’estate anni Sessanta. Come ci si difende dall’assalto? All’Elba si “salvano” con l’app

di Ilenia Reali