Il Tirreno

Commercianti coraggiosi

A Piombino “Aquarium” compie mezzo secolo: «Dal 1973 il paradiso degli animali»

di Cecilia Cecchi

	Lisa in mezzo ai genitori all'interno del negozio di Piombino 
Lisa in mezzo ai genitori all'interno del negozio di Piombino 

Una storia che parla di una passione di famiglia: da babbo Furio a Lisa Mazzinghi dietro al bancone dell’attività

23 settembre 2023
3 MINUTI DI LETTURA





PIOMBINO. Spesso si comincia con una boccia di vetro, ma ben presto si capisce che può non bastare. Il fascino degli acquari è unico anche per il benessere dei pesciolini che li abitano. I due amici si erano così innamorati di tutto quello che c’è da sapere sin dall’allestimento da decidere di aprire un negozio specializzato. Comincia così, 50 anni fa, la storia di “Aquarium” in via XXV Aprile, 99.

Tra la farmacia Tronci e la pasticceria Biondi uno degli ultimi negozi storici rimasti in questo spicchio di città, nato durante il boom economico anni Settanta, quando ancora Piombino stava crescendo in modo esponenziale. Il quartiere non a caso è “Porta a Terra Desco”.

Ora come allora c’è Furio Mazzinghi, insieme alla moglie Edi Spago e alla figlia Lisa al banco.

«Siamo un piccolo negozio, ma con una grande esperienza nel settore – ricorda Furio – . Dal settembre 1973 al servizio della clientela quando insieme al mio carissimo amico Antonio Pannocchia, tutti e due appassionati di acquariofilia decidemmo di aprire proprio qui. Ci occupavamo almeno all’inizio solo di pesci. In seguito viste le richieste e l’attenzione che era cresciuta per gli animali da compagnia anche di uccellini, criceti, coniglietti nani, poi anche di scimmiette di cui molte persone si innamorarono».

«Siamo stati i primi – aggiunge subito Lisa Mazzinghi – a proporre oggettistica etnica, poi pappagalli tropicali, serpenti ma anche cani e gatti. Ho cominciato a star qui sin da piccola – racconta ancora – appassionata di animali, mi sono innamorata di questo lavoro da subito».

Passa poco tempo e il negozio resta solo ai Mazzinghi. «Aggiungemmo alle attività la toilettatura dei cani – riprende Furio – , anche perché mia moglie aveva fatto un corso specializzato: così brava e appassionata da vincere ben presto un concorso nazionale diventando campionessa italiana di settore». «Stessa cura e passione condivisa con mia figlia Lisa...» aggiunge sorridendo mamma Edi.

Insomma, adesso, un compleanno speciale. Di questi tempi non è così semplice per un’attività anche se storica arrivare al traguardo dei cinquant’anni e poter guardare ancora avanti. Certo ci sono molte soddisfazioni ma è sempre più difficile proprio per i piccoli esercizi commerciali sopravvivere alla concorrenza spietata della grande distribuzione fisica e online. Ci vuole una marcia in più. «Abbiamo cominciato realizzando acquari in ogni particolare insieme alla “vetreria Petri” – conferma Furio – poi sono arrivati quelli solo da montare, da tempo acquistabili on line. Ma in negozio il cliente può sempre trovare un’attenzione in più anche per la depurazione dell’acqua, proprio per il benessere dei pesci».

Ad aprire la saracinesca ogni mattina adesso è Lisa nuova titolare ma sempre coadiuvata dai genitori: «Abbiamo saputo mantenere vivo il legame con i clienti storici – dice – ma ne troviamo sempre anche di nuovi».

«Ecco perché – sottolinea Furio – davvero vogliamo ringraziare tutti per la fiducia che ci dimostrano ogni giorno.


 

Primo piano
Meteo

Cielo giallo (e gran caldo) in Toscana: quanto durerà il fenomeno che arriva dal Sahara

di Tommaso Silvi