Il Tirreno

Grosseto

Politica

Meeting della discordia, il sindaco di Grosseto: «Dal Pd una marea di inesattezze»

Meeting della discordia, il sindaco di Grosseto: «Dal Pd una marea di inesattezze»

Vivarelli Colonna e Artuso: «L’evento è stato trasmesso dai media nazionali»

09 giugno 2023
3 MINUTI DI LETTURA





GROSSETO. Il Grifone Meeting ancora una volta sotto i riflettori. Il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna e la director del Meeting Elisabetta Artuso replica all’intervento del gruppo consiliare “dem”. «Il Pd ha fatto una ricostruzione non corretta – scrivono in una nota Vivarelli Colonna e Artuso – smentita non solo dai fatti, ma anche e soprattutto dai risultati da record ottenuti dagli atleti. Rendere pubblica tale ricostruzione non fa altro che confermare l’intenzione dei consiglieri comunali di portare avanti un’opposizione politica distruttiva, il cui intento è screditare l’operato dell’amministrazione».

Vivarelli Colonna ed Elisabetta Artuso hanno deciso di chiarire le dinamiche sulle quali, da diverse settimane, sono stati chiamati in causa dall’opposizione: «Spalti semi-vuoti, costi da urlo, dirette televisive che non ci sarebbero mai state e la già annunciata assenza dell’annuale edizione del Meeting Città di Grosseto, sono soltanto alcuni dei punti toccati nella lettera aperta dei consiglieri comunali. Una marea di inesattezze – sostengono – Andiamo per gradi. Esiste, ed è obbligatorio, un piano di sicurezza da rispettare. Il piano ammetteva la presenza totale di mille spettatori. Qualcuno avrebbe senz’altro recriminato il suo mancato rispetto, previsto dalla delibera, se lo stadio fosse stato, al contrario, pieno. La promozione turistica non si fa soltanto con il pubblico grossetano che viene allo Zecchini, ma, anche, con l’immagine della città che viene promossa dai media. Su Rai Sport il Grifone Meeting è stato trasmesso tre volte (28 e 29 maggio, 6 giugno); è presente su Rai Play e Atletica Tv, invece, manda in onda regolarmente il video promozionale della città, che ha accompagnato l’evento».

Il sindaco e la consigliera Fidal, dicono la loro anche sulla cancellazione del Meeting città di Grosseto: «Ha ripreso un evento che ha smesso di esistere trent’anni fa; lo scorso anno, non è neanche entrato nel ranking mondiale con un punteggio pari a 0, a differenza del Grifone Meeting che, nel 2022, ha conquistato la 49ª posizione. Un’amministrazione ha il dovere di fare scelte consapevoli, sulla base di valutazioni oggettive».

Vivarelli Colonna e Artuso rispondo anche a Ernesto Croci, presidente della Track&Field master e del comitato organizzatore dei campionati europei master 2022, il quale ha definito «scelta incomprensibile di assegnare contribuiti per 120mila euro all’Atletica Castiglionese, che per la Fidal non può nemmeno fare richiesta per l’assegnazione di un campionato federale, avendo solo quattro atleti tesserati».

«Faccio la Meeting Director da 13 anni – commenta Artuso –. Ho collaborato all’organizzazione di eventi Fidal internazionali, ma non ho mai ricevuto da nessuno di loro una richiesta di collaborazione. Al contrario, si preferisce chiamare persone esterne, senza coinvolgermi. Il Grifone Meeting non può pagare le incompetenze e le incapacità organizzative degli altri. Quanto all’Atletica Castiglionese, Croci appartiene a una società che fa solo attività per master, quindi rivolta ad amatori, e non presta attenzione al sociale e ai giovani come sta facendo Castiglione, che negli anni ha sia portato ai campionati italiani di categoria tanti atleti sia conquistato nuovi tesserati Eps e Fidal. La società Castiglionese ha una storia che parte negli anni ’80, mentre la Track&Field è nata solo pochi anni fa».

«Croci – concludono il primo cittadino e la Meeting Director – non sta considerando il livello raggiunto dal Grifone meeting che, con oltre 8mila punti in più, si classifica tra i primi trenta meeting al mondo, potendo vantare una prestazione mondiale stagionale negli 800m donne (e non solo) che, dopo 10 meeting, è ancora quella effettuata a Grosseto».


© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
Trasporti

Treni, guasto sulla linea ferroviaria a Firenze: ritardi e cancellazioni