Il Tirreno

Montecatini

Dopo il voto

Pescia, Franchi non scioglie la riserva. «In giunta spazio ai tecnici»

di Maria Salerno
Pescia, Franchi non scioglie la riserva. «In giunta spazio ai tecnici»

Il neo sindaco: «Da premiare anche i più votati nelle urne»

06 giugno 2023
2 MINUTI DI LETTURA





PESCIA. Ci vorrà ancora qualche giorno per conoscere la nuova giunta che affiancherà il neoeletto sindaco Riccardo Franchi. Non scioglie ancora la riserva l'ex sindaco di Uzzano e non fa nomi. «Saranno sicuramente premiati coloro che all’interno della mia squadra sono stati i più votati», assicura alludendo probabilmente al segretario del Pd locale Luca Tridente (che ha ottenuto 121 preferenze), a Cristiana Inglese della lista “Una nuova storia” (che ha ottenuto 106 preferenze) e a Maurizio Aversa di “Pescia è di Tutti” (che ha ottenuto 138 preferenze).

Franchi annuncia anche una «sorpresa importante» sottolineando che alcuni assessorati saranno affidati a professionisti piuttosto che a politici, vista la delicata situazione in cui versa il Comune. Attesa e grandi aspettative da parte della cittadinanza per la compagine governativa che amministrerà nei prossimi cinque anni un Comune che ha chiaramente puntato sul cambiamento, dando la preferenza a una coalizione di centrosinistra, ma che si è sempre dichiarata a prevalenza civica. Intorno al 15 di giugno potrebbe insediarsi il nuovo consiglio comunale, che sarà presieduto dall’ex primo cittadino Oreste Giurlani in qualità di consigliere più anziano che ha ottenuto il maggior numero di preferenze. In questa prima seduta sarà nominato il presidente del consiglio e - sebbene siano diversi i nomi circolati in questi giorni da Giancarlo Mandara allo stesso Giurlani - Franchi assicura che anche qui non è ancora stata presa nessuna decisione.

Se sui nomi non si sbottona, il neo eletto sindaco ribadisce quanto affermato in altre circostanze, vale a dire che l’amministrazione non sarà retta da «un uomo solo al comando», ma da una squadra coesa che lavorerà insieme. «Squadra all’interno della quale andranno coinvolti anche i dipendenti comunali – assicura Franchi – a me piace pensare che quando si ottiene un risultato il merito sia dell’amministrazione intera, non del solo sindaco. Cercherò di portare questa mentalità all’interno del Comune». La campagna elettorale è stata improntata tutta sul proposito di scrivere una storia nuova e una storia nuova inizia dal rinnovamento dei membri della squadra di governo che tutti si aspettano essere volti nuovi e non «addentellati di un passato» che ha scontentato e disilluso molti. Nell'attesa, l'auspicio è che almeno questa promessa venga mantenuta.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
Meteo

Cielo giallo (e gran caldo) in Toscana: quanto durerà il fenomeno che arriva dal Sahara

di Tommaso Silvi