Il Tirreno

Grosseto

La tragedia

Con il gommone contro gli scogli: muore un giovane ufficiale toscano della Marina


	La vittima e lo scoglio
La vittima e lo scoglio

A bordo c’era anche la fidanzata che è rimasta illesa. È intervenuta la Capitaneria di porto

15 giugno 2024
2 MINUTI DI LETTURA





LA MADDALENA. Tragedia in Sardegna. Un giovane ufficiale del nucleo Sdai della Marina, Pietro Stipa, 26 anni, toscano dell’Argentario (Grosseto), è morto poco prima dell’alba di oggi, sabato 15, in seguito alle ferite riportate nell’impatto del suo gommone contro gli scogli affioranti, tra La Maddalena e Santo Stefano. A bordo c’era anche la sua fidanzata, una ventenne di La Maddalena.

L’allarme è scattato alle tre del mattino quando un uomo, che si trovava sulla banchina denominata “delle Poste” ha sentito un tonfo terribile e poi un rumore di eliche fuori bordo. Ha subito allertato la guardia costiera di La Maddalena che ha mobilitato due motovedette. Una volta raggiunta la zona, gli equipaggi della capitaneria si sono subito resi conto di quanto fosse successo: un gommone, con un enorme squarcio nella parte anteriore, era finito addosso a uno scoglio e una ragazza chiedeva aiuto.

Subito soccorsa è stata portata via sotto choc (pare sia rimasta ferita lievemente)  mentre non si riusciva a trovare il giovane ufficiale. Sono stati i suoi amici e colleghi a recuperare il corpo senza vita di Pietro Stipa a diversi metri di profondità. Ha dato un mano alle operazioni anche il traghetto notturno della Delcomar che, attorno alle 4, ha illuminato con i suoi fari lo specchio di mare davanti a Santo Stefano.

La Procura di Tempio ha aperto un’inchiesta per capire esattamente che cosa sia accaduto: la coppia, a bordo di un gommone di circa 5 metri, si sarebbe allontanata dall’isola madre in direzione Santo Stefano per fare un giro notturno. Poi l’impatto contro lo scoglio e una giovane vita spezzata.

Primo piano
Turismo

Traghetti, è massima allerta all’Elba per la domenica dello sciopero. Anche a Piombino piano d'emergenza

di Gabriele Buffoni