Il Tirreno

Gli incontri

San Vincenzo, alla Borsa Mercato Lavoro per più di 150 posti appena 200 candidati

San Vincenzo, alla Borsa Mercato Lavoro per più di 150 posti appena 200 candidati

Evento dell’Ebtt di incrocio tra domanda e offerta

16 febbraio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





SAN VINCENZO. C’è un dato che si è fatto strutturale. Le aziende che cercano forza lavoro sono tante, ma non sono altrettante le persone che cercano un posto nel settore turistico. È quanto emerge al termine della Borsa Mercato Lavoro a San Vincenzo, promossa dall’Ente bilaterale del turismo toscano, che si è svolta il 15 febbraio alla Cittadella delle associazioni. Nell’arco di un’intera mattinata sono 200 le persone che si sono presentate all’appuntamento curriculum alla mano. Siamo lontani dai numeri delle edizioni degli anni precedenti all’emergenza sanitaria per covid, con persone di tutte le età già in fila dal primo mattino per non perdere l’occasione di farsi spazio nel mondo del lavoro. Eppure, per gli organizzatori c’è almeno un segnale in positivo. Qualcosa rispetto all’edizione flop dello scorso anno si è sbloccato. Si sono affacciati più candidati e sono tornati a farsi vedere i giovani.

Durante la mezza giornata ben 60 imprese hanno avuto l’opportunità di incontrare potenziali candidati per una varietà di posizioni, tra cui camerieri di sala, baristi, cuochi, pizzaioli, camerieri ai piani, bagnini, lavapiatti e receptionist. Le opportunità di lavoro non si limitano solo a San Vincenzo, 24 le aziende presenti, ma si estendono anche a Castagneto Carducci (10), Campiglia Marittima (3), Cecina (3), Bibbona (3), Piombino (8), Sassetta (1), Portoferraio (1) e Castiglione della Pescaia (3) per oltre 150 posti di lavoro, stagionali e non solo. Opportunità che sono riferibili per tipologia di attività a due agriturismo, dieci villaggi turistici, 20 tra ristoranti e pizzerie, quattro stabilimenti balneari, tre campeggi, 14 alberghi e tre bar.

Nonostante le numerose opportunità di lavoro offerte, il mercato del lavoro locale presenta alcune sfide significative. Per esempio, la maggior parte delle imprese lamenta difficoltà nel trovare i profili desiderati. Questo scollamento tra domanda e offerta di lavoro può essere attribuito a diversi fattori, tra cui il ridotto numero di candidati disponibili e la mancanza di preparazione in termini di conoscenze e competenze. L’Ente bilaterale del turismo toscano opera nel settore turistico in Toscana dal 1996. Tra i suoi compiti: progettazione ed erogazione di corsi di formazione e servizio di incontro domanda-offerta di lavoro, oltre al sostegno al reddito e alla conciliazione delle vertenze. L’Ebtt è dotato di un software denominato “incontro” per svolgere l’attività di incontro tra domanda e offerta di lavoro: questo programma è attivo all’interno del portale www.turismolavoro. it.

La Borsa mercato del lavoro si chiude confermando che tra le figure più ricercate, e che non si trovano, ci sono cuochi e pizzaioli e più in generale il personale di cucina. Tra le criticità anche quella di reperire persone abilitate al salvamento. Insomma, tra le aziende sono ricercatissimi i bagnini.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


 

Vespa World Days
L’ospite

Vespa World Days, Marco Lambri ospite nella redazione del Tirreno: «Ecco come mi immagino la Vespa del 2050» – Video